You are currently viewing Il Bacco di Caravaggio: Analisi del dipinto iconico

Il Bacco di Caravaggio: Analisi del dipinto iconico

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Arte
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Il Bacco di Caravaggio è uno dei dipinti più famosi al mondo, ma è anche uno dei meno compresi 

È facile guardare questo dipinto e vedere una bella figura classica nuda. Ma c’è molto di più che un bel ragazzo che fa il bagno.

Questo dipinto ci racconta una storia incredibile sulla vita, l’amore e la spiritualità che dobbiamo capire prima di poter apprezzare la sua vera bellezza.

Lascia che ti mostri cosa intendo…

L’opera e l’ispirazione

Il Bacco di Caravaggio agli Uffizi è una tela che colpisce per la sua perfezione.

Questo dipinto, di tutti i dipinti di Caravaggio, può essere la sua opera più bella.

Le sue altre opere includono il Bacco malato alla Galleria Borghese e il Ragazzo con cesto di frutta che si trovano entrambi a Roma, così come Il suonatore di liuto del Museo dell’Ermitage, per citare solo due dei molti altri pezzi eccellenti che ha fatto durante questo periodo.

La Fondazione Longhi ospita anche un altro suo complesso capolavoro: Il ragazzo morso dal ramarro.

Le molte opere di Caravaggio sono un po’ diverse l’una dall’altra, ma c’è un denominatore comune tra tutti i suoi dipinti.

Le sue opere possono essere divise in tre periodi principali: il primo periodo (intorno al 1590-1600), fase chiara o luminosa che rappresenta una sperimentazione con la luce e il colore.

Il periodo medio a Roma intorno al 1600-1606 quando divenne famoso come pittore per la famiglia del Cardinale Del Monte commissionandogli La sepoltura di Santa Lucia.

Il tardo periodo 1606 fino alla morte dove la maggior parte della pittura fu commissionata da Re Giacomo I mentre viveva in Inghilterra.

Caravaggio mostra la sua grande mano nel dipingere nature morte.

Difficile fare delle classificazioni, ma ogni tela ha le sue caratteristiche che è facile vedere sul Bacco degli Uffizi (come vedremo presto).

Analisi dell’opera

Bacco di Caravaggio che si trova all’interno degli Uffizi

In quest’opera, Bacco non è più rappresentato nel modo idealistico che aveva prima.

Invece di essere un bel ragazzo che frequenta le feste come ci si immagina un aristocratico, può sembrare che Bacco sia diventato solo un altro uomo comune – qualcuno che passa il suo tempo intorno a taverne e bordelli come quelli dove Caravaggio stesso passava il tempo.

L’assenza di scenografie rende il ritratto più umano di quello che potremmo aspettarci dalle altre opere dell’artista, perché ora ogni dettaglio diventa importante: cosa indossano o fanno.

Persino l’aspetto dei loro capelli ci dice qualcosa su di loro quando non c’è molto altro su cui basarsi oltre al linguaggio espressivo del corpo (che spesso si perde quando i personaggi non guardano direttamente).

Bacco è ritratto in posa e tiene una coppa di vino con la mano sinistra, quasi come se fosse un’immagine speculare.

E infatti Caravaggio usava un elaborato sistema di specchi per ritrarre i suoi soggetti sulla tela, proprio come la primitiva tecnica fotografica che era popolare all’epoca!

Eccezionale è l’uso sapiente del colore e della tecnica a olio: si può capire da questo dipinto quanto sia incredibile il realismo quando è combinato con queste cose; vedrai la frutta resa realisticamente insieme ai toni della pelle umana che sembrano così realistici che potrebbero uscire direttamente dal tuo schermo in questo momento – davvero non perdere questa opportunità!

Un recente restauro ha rivelato il volto di un uomo all’interno della caraffa di vino, che si crede essere l’autoritratto di Caravaggio.

Non convenzionale e ribelle con momenti introspettivi che ci ricordano quanto siamo limitati come mortali, Caravaggio sconvolgerà per sempre quello che una volta era la storia dell’arte a modo suo, dipingendo se stesso in modo imperfetto tra gli altri che ritrae in modo impeccabile sulla tela.

Qualche piccola curiosità sul quadro

È curioso che il Bacco di Caravaggio sia andato in qualche modo perduto.

Infatti, sembra che si sia dimenticato chi sia l’autore di questo dipinto a causa del disinteresse seguito alla sua morte e sia finito agli Uffizi, dove è stato ritrovato da Matteo Marangoni nel 1913 mentre era direttore della Soprintendenza italiana.

Roberto Longhi ne fece poi l’attribuzione definitiva dopo aver scoperto delle prove su un’incisione del 1621 che era stata attribuita erroneamente a Raffaellino del Colle fino al 1931 quando Giuseppe Bruschi dimostrò in modo definitivo che a Del Monte doveva essere attribuito questo lavoro.

Ti piace questo dipinto? Vieni a vederlo agli Uffizi

Il museo degli Uffizi è un must da vedere mentre sei a Firenze. Se sei interessato all’arte e alla cultura rinascimentale allora questo museo iconico sarà uno dei punti salienti del tuo viaggio.

Oltre al dipinto Bacco di Caravaggio, ci sono molti altri pezzi che mostrano il suo talento così come quelli di altri artisti di talento come Michelangelo Buonarroti o Leonardo da Vinci.

Non perdere l’occasione di vedere queste incredibili opere di alcuni dei pittori più famosi della storia!

Acquista subito i biglietti per poter visitare il Museo degli Uffizi quando vieni a Firenze.

Non vorrai pentirti di averlo perso!

Lascia un commento